Diventiamo ciò che contempliamoIn tutte le società tradizionali del mondo gli anziani hanno sempre avuto un ruolo assai importante; sovente decisionale, ma di quella decisionalità non legata alle poltrone, al prestigio e agli stipendi, ma all’altruismo, alla saggezza e all’interesse per il benessere della comunità.

Se si guarda alla società odierna, invece, e se si escludono le figure, comunque già in decadimento, dei politici e degli uomini d’affari vetusti, e si guarda invece alla società comune, la vecchiaia non è praticamente mai vista come un valore, come un’opportunità, per sé stessi e per gli altri, ma come una fase triste della vita, in cui si smette di vivere e si inizia a sopravvivere (cosa che in realtà molti iniziano a fare già da giovani, ma questo è un altro discorso). Vista dall’esterno con l’occhio dell’uomo medio, si tratta dell’età ingrata per eccellenza: si è deboli, sensorialmente menomati, non si può più gioire delle cose su cui si è puntato per tutta la vita (godimento, movimento, divertimento). In breve, si è come handicappati… e infatti molto spesso si è anche fisicamente dipendenti dagli altri e si diventa handicappati fuori tanto quanto ci si sente tali dentro.

Questo è normale nei tempi odierni, ma è normale solo in una società che insegue la materia e i successi materiali. Altrimenti, sarebbe un’anomalia… come difatti è dal punto di vista evolutivo.
Nel Dhammapada, Buddha dice: “Chi non impara dalla vita invecchia come un bue: la sua carne cresce, ma non la sua saggezza”.

È duro da dire, ma questa è esattamente la condizione della quasi totalità degli anziani oggi: sono giovani, grossomodo adolescenti, cresciuti e invecchiati nel corpo ma non nell’anima, perché nel mentre hanno pensato alla materia (Mammona) e non al percorso evolutivo (Dio). Le eccezioni sono davvero poche e proprio per questo spiccano nel mucchio della devastazione esteriore e interiore.

Quando torneremo ad essere una società tradizionale in senso spirituale, le cose saranno ben diverse. Allora gli anziani torneranno ad essere guide affidabili e distaccate, grazie alla saggezza, all’elevazione e al non attaccamento alle cose del mondo che avranno sviluppato durante la loro vita.
Badate che questa dovrebbe essere la regola, non l’eccezione: ogni famiglia dovrebbe avere al suo interno alcuni anziani assai avanzati dal punto di vista evolutivo, veri e propri iniziati, i quali fungerebbero da riferimento e da guide per i vari membri della famiglia, sia quelli più giovani sia quelli già adulti, di cui avrebbero la stima incondizionata per mera evidenza dello stato di cose. Altro che la figura dell’anziano invalido, dalla mente incerta o dal cuore inacidito, così frequente oggi!

Un anziano saggio non sarebbe certo un peso, e anzi sarebbe la parte più evoluta e luminosa della famiglia, pronto a illuminare con la sua luce coloro che avesse intorno. In questo senso, gli anziani tornerebbero ad essere eccellenti educatori e insegnanti, sia in ambito familiare sia in ambito sociale e collettivo… ma naturalmente per poter essere insegnanti occorre avere qualcosa da insegnare; si può insegnare solo la saggezza che si è acquisita; si può diffondere solo la luce che si è fatta dentro di sé; se si arriva all’età avanzata senza aver maturato niente dentro, non si avrà a quel punto nulla da offrire alle nuove generazioni e ai propri discendenti.

Al giorno d’oggi, invece, a chi si affida l’educazione dei bambini, ossia degli essere umani energeticamente più influenzabili e malleabili, a cominciare dagli asili?
A giovani insegnanti, che peraltro sono anche la frangia meno pagata all’interno dell’insegnamento, già poco remunerato di suo. Il che dice molto da sé: paghiamo poco chi deve educare le nuove generazioni, e paghiamo pochissimo chi in particolare ha a che fare con i bambini, quando invece quello è il lavoro più importante tra tutti (per il quale si dovrebbe selezionare in modo stretto in base all’evoluzione spirituale del candidato insegnante, e non certo in base solo a conoscenze teoriche o a qualche titolo di studio). Paghiamo molto invece chi al giorno d’oggi è preposto alla dis-educazione delle genti, in primis gente dello spettacolo, politici e sportivi, e anche questo dice molto.

Torniamo agli anziani: quando le generazioni attuali (quelle educate da quelli sottopagati) riusciranno ad andare avanti, nonostante l’educazione ricevuta, e a fare un passo evolutivo importante, diverranno in seguito anziani saggi e illuminati, e torneranno allora a suggerire, raccontare, educare, ispirare.
Dipende solo da noi essere un peso oppure un’ispirazione per gli altri.

Fosco Del Nero
Agisco nell’ombra per servire la luce

 

Puoi acquistare il libro Lascia che sanguini qui:

Copertina Lascia che sanguini

 

Puoi acquistare il libro Parole di Potere qui:

Copertina Parole di Potere

 

Puoi acquistare il libro Il cammino del mago qui:

Copertina Il mondo dall'altra parte

 

Puoi acquistare il libro Parole di Forza qui:

Copertina Parole di Forza

 

Puoi acquistare il libro Il mondo dall’altra parte qui:

Copertina Il mondo dall'altra parte

 

Puoi acquistare il libro Il significato esoterico dei Vangeli qui:

Copertina Il significato esoterico dei Vangeli

 

Puoi acquistare il libro Corso di esistenza qui:

Copertina Corso di esistenza

 

Share Button
next posts >>