La Terra, l’aria, gli esseri umani, gli animali e tutto quanto

Product by:
Fosco Del Nero

Reviewed by:
Rating:
4
On 16/10/2021
Last modified:19/10/2021

Summary:

Il titolo dell’articolo è un po’ criptico, ma passo rapidamente a svolgerlo.
Spesso le persone interessate al percorso evolutivo proprio e generale si chiedono come possono lavorare per l'evoluzione collettiva...

La Terra, l’aria, gli esseri umani, gli animali e tutto quantoIl titolo dell’articolo è un po’ criptico, ma passo rapidamente a svolgerlo.

Spesso le persone interessate al percorso evolutivo proprio e generale si chiedono come possono lavorare per tale evoluzione collettiva. Certamente sanno che hanno da fare delle cose al loro interno, e sanno anche che il loro cambiamento influenzerà coloro che hanno intorno, ma il discorso spesso si ferma lì, non procedendo oltre, non passando dal singolo al tutto.

In realtà, è tutto molto semplice, come sempre nell’esistenza, e talmente semplice da risultare prosaico… soprattutto agli occhi di coloro che tendono alla spiritualità un po’ new age.

Anni fa ho pubblicato un articolo intitolato Nella condivisione stanno le cose più belle della vita, nel quale, nonostante il titolo potesse esso stesso sembrare un po’ new age, illustravo come le cose più belle riguardano la condivisione.
Qua lo ribadisco in grande sintesi: le cose della vita che danno all’essere umano più piacere o più soddisfazione riguardano tutte lo scambio, la condivisione. Ad esempio respirare, mangiare, bere, defecare, urinare… fino ad arrivare alla sessualità, che sotto la forma polare del maschile e del femminile rappresenta lo scambio per eccellenza.
Questo a livello fisico, ma è evidente che, anche a livello emotivo, ciò che maggiormente coinvolge, gratifica e rende felice l’essere umano ha a che fare con la condivisione.

Questa è una riflessione molto semplice, ma in realtà davvero poco diffusa, e anzi di mio non l’ho mai letta da nessuna parte, ragion per cui mi pare buona cosa sottolinearla per averla ben presente.

Il focus centrale di questo articolo è tuttavia un altro, e riguarda, come si suggeriva nella frase di apertura, l’evoluzione generale. “Generale” nel senso più letteralmente del termine, ossia legata non solo all’essere umano, ma a tutto il pianeta.

Quando un essere umano inspira sta portando dentro di sé l’aria che egli ha intorno, e quando espira sta emettendo aria, che tuttavia non è la stessa di prima, giacché facendola passare dentro di sé egli l’ha influenzata, la ha caricata con la sua energia.
Questo è il motivo per cui il semplice stare alla presenza di persone particolarmente sveglie è da solo un fattore di risveglio; si sta respirando la loro stessa aria (aria fisica ed energia sottile). E viceversa, ovviamente: che gli ambienti umani influenzino in un certo modo chi vi sta dentro è cosa ovvia e ben risaputa in psicologia e sociologia (ma anche nella comunicazione e nella pubblicità); questo è il motivo per cui ciò avviene.

Tale opera di influenzamento generale non vale però solo per il genere umano: anche gli animali sono fortemente influenzati dal nostro “ambiente umano”.
E non solo gli animali: si sa bene, per esempio, che le piante reagiscono in modi diversi a diversi input, ad esempio diversi tipi di musica.

E ora veniamo al vero centro dell’articolo, che forse farà sorridere qualcuno ma che è cosa molto molto concreta: quanto al pianeta Terra, esso stesso essere vivente?
Anche il pianeta riceve l’influenza dell’uomo, così come delle altre specie, e lo fa col meccanismo del cibo: il pianeta fornisce agli animali il cibo di cui essi si nutrono, e gli animali restituiscono al pianeta il medesimo “elemento terra”, ovviamente da loro elaborato e trasformato: sono le feci.

Anche le feci sono caricate di una certa energia, e quell’energia è il contributo alla terra che l’animale rende al pianeta. Non a caso, si sa che il letame favorisce la crescita delle piante (leggi spirituali alla mano, il letame “migliore” sarebbe quello umano).
Per farla breve, più l’essere umano (anche gli animali, ma ad oggi l’essere umano è la creatura principale come numero e come influenza) si evolverà come specie, più offrirà al pianeta energie elevate, che lo accompagneranno nella sua evoluzione, influenzandola in qualche modo.
Per la cronaca, ho trovato questo concetto in un libro di Aivanhov, uno che la sapeva lunga; ma in realtà non c’è bisogno di chiamare in causa un “ipse dixit” per coloro che hanno occhi pronti per riconoscere la verità quando la vedono.

Siamo tutti parte di un medesimo sistema, di un grande organismo: prima ce ne renderemo conto come razza e meglio sarà per tutti (esseri umani, animali, natura).

“Tutte le cose che fanno parte del creato sono collegate fra loro e si influenzano a vicenda.
Il ritmo equilibrato dell’universo si basa sulla reciprocità.” (Sri Yukteswar)

Fosco Del Nero

 

Share Button

Comments are closed.