Newsletter

Archivio post

Contatore

Compagnia o solitudine?

6 Apr 2019 | Energia sessuale, Evoluzione personale, Relazioni

Compagnia o solitudine?

Quest’oggi parliamo della solitudine, dell’opposto della compagnia e di come la questione si inserisce nel percorso evolutivo.

In effetti, la questione delle relazioni interpersonali è una delle più antiche e dibattute in ambito spirituale, con l’ambito suddetto che comprende tanto le religioni organizzate, quanto le scuole esoteriche, così come le varie correnti spirituali, e ovviamente le scelte dei singoli individui: difatti, si tratta di qualcosa sul quale per forza la singola persona deve prendere una posizione.

È un argomento talmente vasto che non penso certo di esaurirlo con un modesto articolo, ma cercherò di fornire qualche spunto a chi legge, in modo che egli o ella possa poi guardarsi intorno con maggior chiarezza.

Un lato del “mondo spirituale” ha, praticamente da sempre, caldeggiato celibato e nubilato, astinenza e solitudine, o, per laici e persone meno “impegnate”, un certo distacco dalle cose del mondo, comprese le cose sentimentali.
Un altro lato del “mondo spirituale”, viceversa, ha sempre individuato nella coppia e nelle relazioni interpersonali, anche quelle non sentimentali, un potente fattore evolutivo. Ovviamente se osservato con consapevolezza, altrimenti si dorme e basta.
Ebbene, quale dei due lati va seguito? Con quale si arriva più facilmente al risveglio, o quantomeno alla serenità e alla beatitudine interiore?

Intanto, evidenziamo che serenità e beatitudine sono il vero scopo di qualunque essere umano, che esso lo sappia o meno: tutte le scelte di tutti gli esseri umani sono tese al benessere, e tale benessere viene cercato ora qui ora lì, ora nel sesso ora nel denaro, ora nella famiglia ora nel successo sociale.
Ma in realtà tutti, compresi manager e madri di famiglia, non vogliono altro che serenità e felicità interiore (che non è la felicità del mondo esterno, quella più vicina all’entusiasmo, ma è la felicità dell’essere, più vicina alla beatitudine, l’ananda del mondo yogico-induista).

Fatta questa premessa, passiamo a rispondere alla domanda formulata poco sopra: dipende. Dipende sempre tutto dalla persona, giacché ogni persona è unica e di conseguenza sarà unico anche il suo percorso di “ritorno a casa”.
Ciononostante, possiamo individuare due tendenze: le persone i cui percorsi si svolgono con più facilità con la compagnia umana, compresa la compagnia coniugale e sessuale, e le persone i cui percorsi si svolgono con più velocità in modo più solitario; poco solitario o molto solitario a seconda del caso.
Imboccare una delle due vie quando siamo “destinati” all’altra è fonte di drammi e tristezza interiore; occorre dunque saper discernere quale è la via migliore per noi indipendentemente da quello che consiglia la società in cui viviamo.
La parola chiave nella vita è sempre “discernimento”.

Riguardo tale argomento, leggiamo alcune parole di due grandi maestri, Yogananda e Aivanhov.

Yogananda:
“Rimani solo nel tuo intimo. Non condurre una vita priva di scopo, come fanno tante persone.
Medita di più e leggi buoni libri. È giusto andare al cinema una volta ogni tanto e partecipare talvolta alla vita sociale, ma per la maggior parte del tempo rimani solo e vivi nel tuo mondo interiore. Assapora la solitudine, ma quando desideri stare in compagnia, esprimi tutto il tuo amore e tutta la tua amicizia, così che gli altri non potranno dimenticarti, ma ricorderanno sempre il loro incontro con qualcuno che li ha ispirati a elevare la propria mente a Dio.”

Ancora Yogananda:
“Ricorda sempre che la solitudine è il prezzo della grandezza.
In questa vita così straordinariamente indaffarata, non potrai mai raggiungere la meta se non starai più ritirato in te stesso. Mai, mai, mai.
Cammina in silenzio, tranquillamente; sviluppa la spiritualità. Non dovremmo consentire al rumore e alle attività sensoriali di intaccare le antenne della nostra attenzione, perché stiamo ascoltando i passi di Dio che entra nel nostro tempio.”

E ancora Yogananda:
“Non familiarizzate troppo con le persone. Il desiderio di compagnia esteriore è un riflesso del desiderio dell’anima per la compagnia di Dio.
Tuttavia, più cercherete di soddisfare quel desiderio al di fuori di voi, più perderete la sua compagnia interiore e più diventerete, di conseguenza, irrequieti e insoddisfatti.”

Aivanhov è ancora più chiaro e pragmatico:
“Spesso mi è stato chiesto se sia meglio vivere nella castità o, al contrario, avere dei rapporti sessuali. In realtà, non è in questi termini che va formulata la domanda; è impossibile affermare, partendo da un presupposto generico, che cosa sia giusto o sbagliato… tutto dipende dal singolo individuo.
Vivere nella castità, nella continenza, può dare risultati pessimi, ma anche ottimi. La continenza può rendere alcuni individui isterici, nevrotici, malati; e altri forti, equilibrati, sani. E il fatto di dare libero sfogo all’istinto sessuale può fare molto bene ad alcuni e nuocere ad altri.
Perciò non si devono classificare le cose dicendo: “Questo è bene… questo è male”. Il bene e il male dipendono da un altro fattore, ovverosia dal modo in cui si utilizzano e si dirigono le forze. Nulla è buono o cattivo di per sé, ma diventa buono o cattivo.
La questione è sapere anzitutto qual è il vostro ideale, cosa volete diventare. Se volete fare grandi scoperte nel mondo spirituale, va da sé che siete costretti a ridurre il numero di determinati piaceri, se non a rinunciarvi completamente al fine di imparare a sublimare la vostra forza sessuale. Se invece non avete questo alto ideale, è da stupidi reprimersi, rimanere casti; rischiate perfino di ammalarvi perché i vostri sforzi non porteranno a nulla. Non è ragionevole dare in questo campo gli stessi consigli e le stesse regole a tutti.”

Essenzialmente, la differenza tra la prima via e la seconda, tra la via coniugale e la via eremitica, sta nella capacità e nella volontà di gestire la propria energia sessuale, cosa che s’accompagna anche all’ambizione evolutiva dell’individuo.
Piuttosto che far degenerare e immarcescire dentro di sé un’energia sessuale che si sta contenendo ma che non si sa gestire, è meglio farla uscire, e magari direzionarla verso la procreazione e gli affetti familiari (che sono una missione essi stessi, invero la missione destinata ai più). Ma è bene comunque farla uscire, anche in modi più bassi e istintivi.
Il cammino opposto è più impegnativo, va da sé, ma è anche quello più ambizioso e offre frutti più importanti una volta giunti a maturazione. Tale maturazione comporta però il saper gestire e trasmutare la propria energia sessuale, che è il carburante più potente che abbiamo…
… e che, come tutti i carburanti, può produrre sia potenza e velocità che fiamme ed esplosione, e tutto dipende per l’appunto dal fatto di saper gestirlo o meno.

Il lato positivo della prima via è invece un rapporto più intimo con la polarità opposta: maschile e femminile (chi evita l’incontro con la polarità opposta sta per l’appunto evitando l’incontro con la polarità opposta, e questo curiosamente vale tanto per l’omosessualità quanto per l’astinenza inconsapevole). Tale incontro genera una danza di energie che è finalizzata anch’essa al percorso evolutivo (cosa non lo è, d’altronde?): in modo più lento ma comunque costante, perché sottopone ogni giorno le persone a determinati riflessi interiori, che per l’appunto sono rispecchiati dal partner.
Chi è saggio lavora così su gelosia, rabbia, serenità, amore incondizionato, e via discorrendo.

Tecnicamente, peraltro, e questo vale sia per i rapporti sentimentali che per i normali rapporti interpersonali, lo specchio delle relazioni non è necessario, ma è utile soprattutto in caso di scarsa consapevolezza e chiarezza interiore.
Il medesimo discorso peraltro vale anche per i libri e per qualsiasi altra forma di insegnamento: sono utili ma non indispensabili.

In teoria, ci basterebbe sedere sotto un albero e osservare la creazione per illuminarci… e infatti a molti mistici è successo proprio così. Ma siccome l’uomo comune è miope, chi più e chi meno, necessita che la vita gli venga in aiuto portandogli esperienze di vario tipo.
Non necessariamente le stesse per tutti: non tutti dobbiamo passare sotto le stesse porte, e la saggezza sta nel capire sotto quale porta dobbiamo passare.

Fosco Del Nero
Agisco nell’ombra per servire la luce

(Visited 36 times, 1 visits today)
Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo online...
Banner Una Vita Fantastica
Banner canale facebook Fosco Del Nero
Banner gruppo facebook Il cammino del mago
Banner canale youtube

26 Marzo 2023
Seminario online
“Corso di esistenza”