Newsletter

Archivio post

Contatore

L’inganno della speranza

23 Mag 2015 | Emozioni, Energie

L’inganno della speranzaMolte persone sono sottoposte a un grande inganno, che porta il nome di speranza.

La speranza è considerata, dalla società in cui viviamo, un’emozione largamente positiva, tanto che ci viene praticamente insegnata: dai genitori, dalla televisione, dai film, dai libri, etc.
In qualche modo, essa è effettivamente positiva, nella misura in cui ci impedisce di affondare nella tristezza o nella rabbia o nell’impotenza quando rischiamo di essere preda di emozioni siffatte…

… ma la speranza è un’emozione più affilata di quanto non sembri, con cui è possibile ferirsi gravemente, o comunque farsi male a ripetizione per praticamente tutta un’esistenza.

La speranza in un miglioramento futuro difatti ci sposta letteralmente dal presente, l’unico momento di potere che abbiamo, e ci proietta in un futuro ipotetico in cui le cose – speriamo! – ci vanno meglio.

La speranza dunque, è un tranello, è un vero e proprio inganno psicologico.
Della psiche-ego, per l’appunto, che vive non nel presente, ma nel tempo.
L’anima viceversa vive nell’adesso, e questo è proprio il passaggio evolutivo che siamo chiamati a fare: dall’ego-personalità all’anima.

Non è un caso che Abraham, l’entità canalizzata da Esther Hicks, situi la speranza, nella scala emozionale, abbastanza in basso, poco sopra le emozioni più negative e distruttive, ma ben più in basso di amore, gioia, gratitudine, ossia le emozioni più elevate tra tutte…

… che peraltro si esperiscono tutte nel presente, non nel futuro.
Posso provare amore solo adesso, qui e ora.
Posso provare gioia solo adesso, qui e ora.
E se anche mi metto a pensare-ipotizzare un futuro in cui proverò amore, quella è una cosa mentale, per l’appunto, non animica, e non è vero amore, il quale è incondizionato, slegato da qualsivoglia esito o aspettativa, che dunque si può provare solo nel momento presente, non “quando si verificherà qualcosa”.

E se in questo momento non riesco a provare amore, è perché quell’energia (le emozioni sono energie) mi è preclusa, non è ancora nel mio range emozionale, è fuori dal mio radar energetico, per così dire.
L’obiettivo è proprio elevare la propria vibrazione media, alti e bassi, per “sistemarsi” in un range emozionale elevato.
E questo è lo scopo di praticamente ogni disciplina di crescita personale: la legge di attrazione, l’alchimia trasformativa, la meditazione, lo yoga, etc.

Quindi, la speranza va benissimo quando si è in un periodo di ripresa, di risalita emozionale da un qualche abisso, o comunque è utile per non precipitarvi… ma non deve diventare la situazione di vita permanente, perché siamo chiamati a cose molto più alte.

Fosco Del Nero
Agisco nell’ombra per servire la luce

(Visited 11 times, 1 visits today)
Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo online...
Banner Una Vita Fantastica
Banner canale facebook Fosco Del Nero
Banner gruppo facebook Il cammino del mago
Banner canale youtube

26 Marzo 2023
Seminario online
“Corso di esistenza”