Riflessioni dalla Polonia 1: gli obiettivi e le aspettative

Riflessioni dalla Polonia 1: gli obiettivi e le aspettativeDi recente ho fatto una vacanzina in Polonia, a Cracovia… e inevitabilmente il viaggio è stato foriero di alcuni spunti di “crescita personale”.
Cosa probabilmente inevitabile se si crede che l’evoluzione personale sia la cosa più importante tra tutte e si è dunque focalizzati su di essa.

In questo articolo vi proporrò la prima riflessione che mi è arrivata, lasciando a due successivi articoli altri due spunti, di cui uno parecchio divertente.
Ma andiamo con ordine, partendo dalla prima riflessione, generata, molto semplicemente, dall’essermi perso in città… e aver vagato a piedi per chilometri e chilometri, giusto per la cronaca.

Questo un giorno.
Il giorno successivo, invece, sono andato in giro senza una meta, ma a istinto, semplicemente seguendo le vie che mi piacevano di più.

La riflessione-spunto è tanto semplice quanto importante (molto spesso le verità più importanti le abbiamo sotto il naso e non le vediamo per quello): è impossibile perdersi se non si ha una meta.

Se non si ha una meta predefinita e prefissata è impossibile perdersi, e dunque di conseguenza è impossibile vedere frustrate le proprie aspettative.

Se si rimane aperti e senza aspettative rigide, è impossibile rimanere delusi, e il discorso non muta di una virgola che si tratti di un’esperienza fisica o esistenziale.

Se ci badate, questo è esattamente il concetto su cui Osho Rajneesh ha tanto battuto: rimanere aperti alla vita, non avere aspettative o attaccamenti a persone, luoghi, situazioni o eventi, fluire insieme alla vita, e non contro di essa.

Già mi vedo orde di appassionati di pnl e di letteratura motivazionale obiettare che nella vita è importante, anzi essenziale, avere degli obiettivi

Cosa su cui sono d’accordo, ma l’obiettivo deve essere una vaga direzione di fondo, non qualcosa di fisso e immutabile.

Nel mio caso, quando mi sono perso mi ero proposto di passare esattamente in certi punti, svoltare qui, poi andare là… e mi sono perso sia all’andata sia al ritorno, finendo fuori strada e stancandomi parecchio.

Invece, quando “non mi sono perso”, l’intenzione di fondo c’era (partire a una certa ora e tornare a una certa ora), ma era talmente vaga che era impossibile rimanere delusi nel mentre.

Essere rigidi e fermi nella vita equivale quasi sempre a vivere delusioni e a precludersi le possibilità che si si presentano nel mentre.
O comunque, a nuotare faticosamente controcorrente per raggiungere disperatamente l’obiettivo iniziale… magari ignorando tutti i segnali che l’esistenza ci sta ponendo davanti agli occhi relativamente al fatto che per noi sarebbe meglio cambiare strada.

L’ideale, dunque, è avere un’idea-intenzione-obiettivo di fondo, ma poi navigare a vista, tenendo conto dei segnali interni ed esterni, perseguendo sempre la strada del benessere e della felicità… fosse anche in una direzione diversa da quella che pensavamo inizialmente!

In questo senso, un esercizio ottimo, che faccio da diversi anni, è vagare per la città a piedi (anche per la propria città, magari in quartieri che si conoscono poco), e imboccare le vie e le stradine che mi ispirano di più… proprio come esercizio di intuizione e di direzione di vita.
Dico esercizio perché, come in tutte le cose, è possibile esercitarsi e apprendere un’abilità man mano, abilità che poi, una volta fatta propria, emergerà in modo spontaneo nella vita “reale”.

In conclusione, va benissimo partire con una direzione di fondo, ma poi bisogna anche saper voltare se la vita ci presenta una curva (anziché insistere e tirare dritti in mezzo ai rovi o nel burrone solo perché il nostro obiettivo iniziale prevedeva di passare lì).

Detto questo, tante belle cose a tutti e appuntamento alle successive Riflessioni dalla Polonia 2.

Fosco Del Nero

 

Puoi acquistare il libro Parole di Potere qui:

Copertina Parole di Potere

 

Puoi acquistare il libro Il cammino del mago qui:

Copertina Il mondo dall'altra parte

 

Puoi acquistare il libro Parole di Forza qui:

Copertina Parole di Forza

 

Puoi acquistare il libro Il mondo dall’altra parte qui:

Copertina Il mondo dall'altra parte

 

Puoi acquistare il libro Il significato esoterico dei Vangeli qui:

Copertina Il significato esoterico dei Vangeli

 

Puoi acquistare il libro Corso di esistenza qui:

Copertina Corso di esistenza

 

Share Button

Comments are closed.