Monthly Archives: luglio 2013

Jodorowsky e le paureQuest’oggi voglio condividere con voi uno spunto assai semplice ma contemporaneamente di grande forza, trovato in un libro sui tarocchi.
Io e i tarocchi, per la precisione, libro di Alejandro Jodorowsky: non parliamo quindi di un personaggio qualunque, ma di uno che sa il fatto suo.

Jororowsky stava parlando delle paure, e di come superarle.
Il concetto di fondo era, come dicevo, semplice: le paure, se non affrontare, rimangono, e anzi crescono.
Se affrontate, invece, spariscono.

Lui partiva da un esempio fisico: l’uragano.
Se lo guardi da fuori l’uragano sembra spaventoso, e se rimani ai suoi margini ti travolge. Invece, se vai nel suo centro, trovi calma, e l’uragano non ti può fare niente.

Ovviamente il discorso non era un invito a mettersi al centro degli uragani (meglio specificarlo, c’è gente strana in giro…), ma una metafora per parlare delle paure, che vanno affrontate andando al loro centro, guardandole negli occhi da vicino… così spariranno.
Se, al contrario, non abbiamo il coraggio di affrontarle con decisione, o cerchiamo di fuggire, ci inseguiranno… e magari ci travolgeranno.

Il buon Jodorowsky univa questa metafora con un consiglio di vita assai concreto: se abbiamo paura di qualcosa, viviamola volontariamente.
Per esempio, abbiamo paura della scarsità di denaro? Andiamo in una città sconosciuta senza un soldo in tasca e arrangiamoci come possiamo. Una volta superata quella prova, la paura della scarsità economica, se non sparita, sarà fortemente diminuita.

Al di là degli esempi coloriti di Jodorowsky, il concetto si trova spessissimo nella letteratura di crescita personale, e ne parlano autori classici come Osho o autori contemporanei come Salvatore Brizzi.

Se cercate bene, troverete spesso degli esercizi appositi, come uno degli strumenti di Il metodo – The tools, libro che sta a metà strada tra la psicologia e la crescita personale.

Tutti questi autori, qualunque sia il loro genere, concordano su un punto, e non sarà certamente un caso: le paure si possono superare in due modi:
– trasmutandole interiormente,
– vivendole esteriormente.
Scappare, invece, porterà solo a riviverle, e su un tono più elevato, perché l’esistenza ci costringerà ad evolvere e ci metterà di fronte proprio a ciò che dobbiamo superare.
Il lato positivo, molto positivo, è che una volta guardate in faccia e vissute, le paure diventeranno un nostro punto di forza.

A noi la scelta.

Fosco Del Nero

 

Puoi acquistare il libro Il mondo dall’altra parte qui:

Copertina Il mondo dall'altra parte

 

Puoi acquistare il libro Parole di Forza qui:

Copertina Parole di Forza

 

Puoi acquistare il libro Il significato esoterico dei Vangeli qui:

Copertina Il significato esoterico dei Vangeli

 

Puoi acquistare il libro Corso di esistenza qui:

Copertina Corso di esistenza

 

Share Button